BENVENUTI NEL SITO DELLA PROLOCO DI VACONE

Vacone in Parapendio

l parapendio non è altro che un moderno paracadute a profilo alare, progettato per decollare utilizzando la spinta delle gambe del pilota, e per volare utilizzando soltanto l’energia del vento,senza l’ausilio quindi di nessun tipo di motore.
Rispetto al paracadute il parapendio ha una superficie alare molto più grande e questo gli consente di veleggiare e di salire nell’aria sfruttando le correnti termiche e dinamiche. Grazie a questa fondamentale caratteristica il parapendio può rimanere in volo anche per molte ore.

Il parapendio senza dubbio è l’apparecchio più leggero che esista: nell’apposita sacca dal peso di 8-10 Kg trova posto tutto ciò che serve per il volo, ovvero ala, imbrago, strumenti, casco nonchè il paracadute d’emergenza.

Il parapendio composto dalla vela e dai fasci funicolari che riunendosi in cavi e nastri di dimensioni maggiori, giungono fino all’imbrago, al quale sono uniti per mezzo dei relativi moschettoni con chiusura a vite.
Per le persone che non amano stare troppo con i piedi per terra, il volo in parapendio  una delle esperienze più suggestive ed emozionanti inerenti il volo. Viene praticato nelle vallate montane, sui laghi oppure sul mare, in Italia non mancano luoghi in cui praticarlo anche perchè la nostra Penisola  prevalentemente montuosa. E con l’arrivo della bella stagione che si verificano le condizioni migliori per prolungare la permanenza in aria: alcuni campioni di parapendio riescono a volare anche per 300 km di seguito. Ma non  certo cosa che possono fare i principianti.

 

 

 

primi modelli di parapendio risalgono agli anni 60, quando Dave Barish e Domina Jalbert ne realizzarono due che permettevano di volare lanciandosi dai pendii montani.

In quegli anni “pionieristici” per il volo in parapendio i piloti facevano dimostrazioni lanciandosi dai trampolini usati dallo sci per il salto in lungo.

La svolta arriva nel 1978, anno in cui tre paracadutisti francesi effettuarono un decollo con paracaduti rettangolari simili a quelli impiegati attualmente.

Da allora le tecniche e i materiali si sono evoluti e migliorati di pari in passo con le prestazioni dei piloti, che in Italia partecipano ai campionati organizzati annualmente dalla Federazione Italiana Volo Libero (www.fivl.it).

E gli Italiani si fanno valere sui campi di gara, avendo conquistato diversi titoli mondiali e continentali.

Ci troviamo nella Sabina dei castelli pittoreschi e dei boschi sacri;
Close